No alla pedofilia
Unione Italiana Siti contro la Pedofilia

Come aderire

È estremamente difficile, se non impossibile, che Internet possa venire regolamentata da una autorità costituita. In questo contesto si rende necessario un minimo di autoregolamentazione, sia per garantire la qualità dei servizi online che per assicurare agli utenti il forte coinvolgimento dei fornitori di contenuti nelle battaglie per la libertà e la legalità in Rete.

Una di queste battaglie, la lotta alla pedofilia, vede Internet ingiustamente coinvolta, agli occhi dell'opinione pubblica, nel ruolo di imputato. Internet è, così come il telefono o il servizio postale, un mezzo di comunicazione. Come tutti i mezzi di comunicazione anche Internet viene abusata, ma la mancanza di leggi specifiche (o la facilità con la quale si possono aggirare) rende la Grande Rete più suscettibile a questo problema rispetto agli altri mezzi di comunicazione. Proprio per questo motivo vi è bisogno di una maggiore sensibilità da parte degli utenti e delle aziende presenti su Internet al problema della pornografia illegale, e in special modo al problema della pedofilia.

La "dichiarazione di integrità" vuole essere una risposta da parte di quei fornitori di contenuti (aziende e singoli webmaster) che da sempre si battono contro la pornografia illegale su Internet. I siti che espongono il simbolo che avete visto riprodotto in alto si impegnano a combattere la pedofilia con ogni mezzo, e seguono le regole elencate nella seguente dichiarazione:


Dichiarazione di integrità

I responsabili dei siti italiani che aderiscono a questa iniziativa si impegnano:


  • a non ospitare sui propri siti immagini o filmati che ritraggano atti di abuso sessuale nei confronti di minorenni, o qualsiasi altro materiale (testi, files audio, eccetera) dai contenuti simili

  • a non ospitare sui propri siti documenti o altro materiale inneggiante a tali atti

  • a non ospitare sui propri siti materiale pornografico (in special modo immagini e filmati) quando vi è il sospetto che le persone ritratte siano minorenni

  • a non ospitare sui propri siti collegamenti (link) verso siti o aree telematiche che detengono o distribuiscono materiale pornografico ritraente dei minori

  • a segnalare alle autorità competenti qualsiasi atto criminale contro i minori, sia su Internet che non, di cui vengono a conoscenza, ivi inclusa la diffusione di materiale pornografico illegale

  • a contrastare sempre, in ogni luogo e con ogni mezzo legale la diffusione della pedofilia e del materiale pornografico ad essa connesso


Torna alla homepage di "Sesso e volentieri"

Torna alla pagina precedente